Chi siamo

La Fondazione Francesca Rava e NPH

Chi siamo

La Fondazione Francesca Rava aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo, tramite adozioni a distanza, progetti, attività di sensibilizzazione sui diritti dei bambini, volontariato.

Rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli e sorelle), organizzazione umanitaria internazionale, che dal 1954 salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue case orfanotrofio ed ospedali in 9 paesi dell’America Latina, tra i quali la poverissima Haiti, con il motto “un bambino per volta, dalla strada alla laurea”. Rappresenta in Italia anche la Fondazione St. Luc di Haiti.

Campus N.P.H.

“Diamoci una mano, prendendoci per mano”

Cosa sono i campus

Altruismo, desiderio di condivisione, amore per i bambini, voglia d...
Scopri di più

A chi ci rivolgiamo

I campus sono rivolti a tutti: universitari liceali famiglie impres...
Scopri di più

Valori della famiglia NPH

Nelle Case N.P.H. i pequeños ricevono assistenza medica e una ...
Scopri di più

Perché crediamo nei campus

“Visitare le Case N.P.H., conoscere i bambini è un grande...
Scopri di più

Accompagnatori

I campus sono sempre accompagnati da minimo due volontari della...
Scopri di più

Come iscriversi

Per partecipare ai Campus occorre: scegliere il periodo indicato ne...
Scopri di più

Prossime partenze

DATE PROSSIMI CAMPUS

Per informazioni scrivere a: campus@nph-italia.org La domanda di is...
Approfondisci

COSA PORTARE CON TE NEI CAMPUS

Piccoli oggetti utili per affrontare al meglio  il tuo campus...
Approfondisci

Testimonianze

Monica, partecipante al Campus in Honduras

“Tornare al Rancho Santa Fe, la Casa NPH in Honduras, dopo solo due mesi è stata un’emozione indescrivibile. Tutti i pequeños, dai più piccoli ai più grandi, i tíos e le tías e tutti quelli che dedicano parte della propria vita al Rancho si ricordavano dei partecipanti al campus estivo, delle attività fatte insieme e dei bei momenti!
Il momento più bello è stato il nostro arrivo alla Messa del sabato pomeriggio; i pequeños di casa Madre Teresa appena mi hanno vista e riconosciuta, mi sono corsi tutti incontro abbracciandomi.
E’ molto difficile spiegare a parole quanto possa far stare bene un abbraccio dei pequeños; ho la fortuna di aver provato queste sensazioni e mi auguro che più gente possibile possa fare questa esperienza.
Questo è il campus più profondo e maturo che abbia fatto fino ad ora, un grazie va quindi ai miei compagni di viaggio e a Chiara e Nicoletta.”

- Monica, partecipante al Campus in Honduras

Marco da Basilea, Campus NPH in Honduras
"Sono partito per il campus solidale della Fondazione Francesca Rava in Honduras spinto dal desiderio di vedere la bambina che avevo adottato a distanza qualche anno fa. Quando lho conosciuta l’incontro è stato intenso ed emozionante. Ho avuto modo di condividere tempo con lei e di conoscerla meglio. Capire meglio i suoi gusti, i suoi sogni e le sue paure."
Read more

- Marco da Basilea, Campus NPH in Honduras

Esmeralda, Campus in Honduras
Cosa abbiamo provato a partecipare al campus NPH in Honduras? La parola più adatta secondo me è GIOIA!
Read more

- Esmeralda, Campus in Honduras

Alessandro, Campus in Haiti
Salvare uno solo è salvare il mondo intero, ci ha detto Padre Rick. Dove c'è azione c'è visione. La forza meravigliosa dei progetti della Fondazione Francesca Rava. Non c'è niente di più incantevole che depositare un seme e vederlo fiorire.
Read more

- Alessandro, Campus in Haiti

Francesco, partecipante al Campus in Haiti
Tempo fa mi trovavo a Port-Au-Prince, Haiti, con un gruppo di partecipanti al Campus solidale della Fondazione Francesca Rava. Haiti è un paese molto povero, molto diverso dall'Italia. Un giorno eravamo a Cité Soleil (la grande baraccopoli della città) e stavamo costruendo una casa assieme alla gente del posto. Faceva un caldo tremendo e il sole batteva forte, quindi si faticava parecchio. Mentre trasportavo mattoni, mi sono accorto di una bambina che mi guardava. Mi sono avvicinato e l'ho salutata. Lei era timida e dolce, mi sorrideva guardando per terra. L'ho presa in braccio e abbiamo parlato un po'. Poi ho riguardato la bambina e mi sono chiesto da quanto tempo non bevesse qualcosa. Non ho resistito, ho preso quello che rimaneva e l'ho chiamata di nascosto dietro un angolo. Le ho porto la mano, dischiuso le dita e mostrato un pezzo di ghiaccio. I suoi occhi si sono illuminati, la sua bocca si è aperta in un gran sorriso, come se avesse aperto lo scrigno di un tesoro. Il suo tesoro era quel pezzo di ghiaccio. Un pezzo di ghiaccio, capite? Lo ha preso, l'ha bevuto e si è rinfrescata la fronte. Al momento dell'addio mi guardava con uno sguardo pieno d'amore, come fossi un principe azzurro.
Read more

- Francesco, partecipante al Campus in Haiti

Al nostro fianco

in aiuto ai bambini NPH

Dona ora